Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino



Accesso
aree riservate

Formazione

Registro Praticanti
Scuola “Piero Piccatti
e Aldo Milanese”
Testi Esami di Stato


ODCEC di Torino - Contributo a Fondo Perduto D.L. Rilancio – Comuni interessati da stati di emergenza

4 Agosto 2020

Care Colleghe, cari Colleghi,

come noto, il comma 4 dell’art. 25 del Decreto Rilancio prevede che i soggetti che, “a far data dall'insorgenza dell'evento calamitoso, hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di comuni colpiti dai predetti eventi i cui stati di emergenza erano ancora in atto alla data di dichiarazione dello stato di emergenza Covid-19”, possano fruire del contributo a fondo perduto, anche in assenza del requisito del calo di fatturato/corrispettivi (fermi restando gli ulteriori requisiti di accesso al beneficio).

Tale norma ha generato incertezze interpretative in merito ai Comuni interessati da tali eventi calamitosi.

Sul tema è intervenuta la Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 22/E del 21.07.2020 che al punto 5.2, rispondendo ad uno specifico quesito, nel premettere che l’elenco dei comuni individuati dalla norma ha carattere indicativo e non esaustivo, testualmente afferma:

“A titolo esemplificativo, sono inclusi nell’ambito soggettivo del contributo e potranno presentare l’istanza di accesso al contributo a fondo perduto anche in assenza del requisito del calo del fatturato così come stabilito dal citato comma 4 dell’articolo 25 del decreto legge n. 34 del 2020, ferme restando le altre condizioni previste dalla norma, i soggetti con il domicilio fiscale o la sede operativa nei comuni colpiti dagli eventi meteorologici verificatisi nei giorni 19 e 22 ottobre 2019 nel territorio della provincia di Alessandria per i quali:
- con delibera del Consiglio dei Ministri 14 novembre 2019, è stato dichiarato lo stato di emergenza, per la durata di 12 mesi decorrenti dalla data della deliberazione (stato di emergenza dal 14 novembre 2019 al 14 novembre 2020);
- con delibera del Consiglio dei Ministri 2 dicembre 2019, sono stati estesi gli effetti dello stato di emergenza dichiarato il 14 novembre 2019 ai territori colpiti delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto, interessati dagli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nel mese di novembre 2019 secondo la tabella allegata alla delibera stessa;
- i presidenti delle Regioni, delegati dal Capo della Protezione Civile, hanno emanato apposite ordinanze commissariali che hanno individuato i Comuni interessati dallo stato di emergenza.”

Il combinato disposto della norme e del documento interpretativo citati parrebbe far rientrare nell’ambito applicativo della fattispecie in oggetto numerosi Comuni della Regione Piemonte, tra i quali molti della Provincia di Torino a partire dal capoluogo (l’elenco di tali Comuni dovrebbe essere quello di cui agli allegati all’Ordinanza Commissariale della Regione Piemonte n. 1/A18.000/615-622 del 17.01.2020).

Stante il non chiaro quadro interpretativo e le severe sanzioni amministrative e penali connesse alla norma, l’Ordine ha chiesto solertemente chiarimenti alla Direzione Regionale Piemonte dell’Agenzia delle Entrate, in particolare per l’individuazione puntuale dei Comuni potenzialmente interessati.

Ad oggi tali chiarimenti non sono pervenuti.

La presente quale doverosa informativa nell’imminenza della scadenza termini per la presentazione delle istanze (13.08.2020), con l’auspicio che pervengano le indicazioni sollecitate.

Vi terremo aggiornati in merito, unitamente ai nostri Referenti Fiscalità Guido Berardo e Salvatore Regalbuto.

Cari saluti.

              Luca Asvisio                Rosanna Chiesa